1

Ho scoperto di avere i super poteri!

Secondo recenti statistiche in Italia ci sarebbero più di 12 milioni di persone che soffrono di stress, di ansia e di depressione. Una persona ogni cinque.

La risposta che il nostro sistema sanitario (ed economico, politico, ecc.) è prendere una pillola. Si tratta quasi sempre di prendere una pillola. Magari si sceglie il colore ma si cerca sempre la soluzione esterna a se stessi confidando che faccia la magia.

Prova a guardare TV, giornali, radio e spessissimo anche sul web: vengono investiti miliardi di euro in una comunicazione che spinge a trovare la soluzione ai segnali che il tuo corpo sta mandando in un farmaco, pillola, vaccino. Hai mai visto uno spot in TV che ti inviti a fare 20 minuti di meditazione al giorno? O che ti consigli di ascoltare il tuo corpo, calmare la mente, coltivare lo spirito?

Io no. Perché sono attività che si possono fare praticamente gratis e con grandi risultati. Quindi nessuno spende miliardi se poi tu trovi gratuitamente una soluzione.

Fortunatamente sempre più persone si stanno accorgendo che una pillola zittisce i sintomi per un po’ ma poi il problema ritorna se non affronti le cause. La ricerca di sé che cresce costantemente in tutto il mondo prende il nome di crescita personale (personal growth o personal development in inglese).

Di cosa si tratta? Beh, ho scoperto (non da moltissimo tempo per la verità, direi 4-5 anni fa) che esiste un mondo fatto di persone che cercano di capire come sono fatte e si impegnano per migliorare ogni giorno in ogni ambito della propria vita: salute, finanze, chiarezza degli obiettivi, ecc… Ci sono montagne di libri, corsi, ottimi formatori e tantissimi sedicenti guru (da evitare ovviamente)!

Quello che più mi ha affascinato dal percorso che ho intrapreso è che si può davvero imparare a conoscere il funzionamento della propria mente e usarlo per la nostra felicità e non per autodistruggersi in autolesionistici onanismi cerebrali.

Grazie ad un amico nel dicembre del 2008 ho incontrato quello che da quel momento in poi è stato il mio formatore/informatore preferito: un personaggio un tantino fuori dal comune, di cui tutto si può dire meno che ami fare promozione e marketing delle sue capacità e che si fa chiamare Zio Hack (www.migliorati.org). Un’ottima testimonianza della bontà del suo lavoro la puoi ascoltare nel video di un altro mio “eroe”, Gennaro Romagnoli di www.psicologianeurolinguistica.net!

Anche grazie a zio Hack ho scoperto che è possibile superare velocemente fobie (come il classico terrore di parlare in pubblico!), mantenersi in salute con una routine di semplici esercizi energetici, essere più comunicativi e sedurre la persona per te, realizzare i propri obiettivi (l’importante e cominciare ad averne!), trovare nuove strategie per avere più soldi e tantissimo altro!

E’ tutto molto semplice. L’importante e’, come sempre, saper scegliere i propri esempi e darsi da fare!

Lo vedi? Se ti guardi attorno te ne rendi conto da solo. Probabilmente anche le persone accanto a te lo fanno.

Ci sono sempre più persone che si prendono cura della propria salute, che praticano lo yoga, che meditano regolarmente, riprendono a pregare dopo anni di nausea da Vaticano! Sempre più persone si rendono conto che si può (e si deve!) usare al meglio la propria mente, liberarsi di decenni di spazzatura demotivante e deprimente che ci hanno propinato la televisione e altre agenzie educative autoritarie (scuola, preti incapaci, genitori impreparati, mass media demenziali, ecc…) e ripartire a costruirsi una vita meravigliosa.

O almeno un po’ migliore.

Mi piacerebbe molto sentire un tuo commento: Hai conosciuto qualche sedicente guru? Che esperienza puoi raccontare sui risultati ottenuti con i tuoi superpoteri mentali? Pensi che invece sia tutta fuffa e ti ingolli la tua pillolina?

A presto!

Tommaso

One Response

07.13.12

[…] è tempo di risultati… (e blog che seguo) Sono felice di segnalarvi un articolo su di me di un caro amico Tommaso Pittarello che ha iniziato a pubblicare un blog molto interessante, positivo, fresco e “giovane”, […]

Cerca

Iscriviti alla newsletter

Facebook